BLUESBUNNY

If you’re looking for a f*cked up post punk meets industrial strength electro-rock assault on the senses then Lush Rimbaud have got what you want. You want proof? Take a listen to their album “The Sound of a Vanishing Era” and, while you are at it, turn the volume up and frighten the neighbours. If there ever was an album that could be used as a weapon then this is it. Forget the scientific precision of nuclear weapons and go instead for a massive emotional impact that could crack a continent in half. It would be no sneak attack either as the title track is but the first volley in a monster firefight. The vocals are lost in the distance as discordant guitars and drums with the power of Thor’s hammer pound your ears. As the rest of this album’s armament is brought to bear, the ideas behind it start to stick in your mind and chants such “…I don’t people believe the people have the power” echo in your head.  Make no mistake, Lush Rimbaud aren’t looking for love here – they are armed and ready to display torment and frustration at what surrounds them and do so to especially brutal effect in “They Make Money (We Make Noise)” and in the hypnotically twisted “Space Ship”. True, there is a bizarre intellectual monologue on “Sounds From A New Era” to provide a momentary diversion but there is also no point in denying the fact that this album is relentless and I would think that there are thrash metal bands out there that wish they could keep up the level of intensity that this hardcore Euro robo-rock uses to blast its way out of the speakers. As “Changing Gear” clatters off the walls like a drunken rant put to song, you know it is all about to end and “The Chameleon” slides this album off the metaphorical cliff into the deep, dark pit with the words “I don’t want to let you down” burning in your ears. So if you are an angry young man and you need a soundtrack for your discontent (and let’s face it – acoustic guitars and songs about trees just don’t cut it anymore) then crank “The Sound of a Vanishing Era” up because when it is gone, it really will be gone. Rating: 5/5


 

ECHOESandDUST

Aesthetically, there’s plenty to relate to in ‘The Sound of the Vanishing Era’ – it sounds like lots of other stuff, which is always comforting. You get flashes of a lot of other great bands and songs – a slightly less-melodic Dananananakroyd; Fugazi and Sonic Youth (particularly on ’2009 Crusade’). There’s a kraut-rock sound to the album that perches it on that peculiar shelf where it somehow seems both a bit dated and quite fresh, all at once. Opening track ‘Sounds from a Vanishing Era’ (sic – close and yet not the same?) builds from a sample of a steam engine (choo choo!!) into jabbing chords and a jangly guitar line, and throws in everything from synths to cowbells and what sounds like scratch DJing of someone’s dog barking. This is not the kind of album to listen to with a hangover, or a prospective romantic… ahem… prospect in the room. For the most part, it’s noisy, driving, spiky and frenetic, with the pace only slowing up a bit on the fourth track, ‘God Trip’ which (even though volume is still way up) almost inevitably has a bit more of a louche, sexy feel to it. There are bits I’m really not keen on. ‘Space Ship’, with its bouncy and naïve melody and lyrics has all the hallmarks of a grower but on the first few listens sounds, to be honest, just a bit silly. Generally, I’m not keen on the vocals – a bit Mark E Smith, a bit Shaun Ryder, they’re mostly out of tune, indecipherable and detract from the music (the only exception being ‘Chameleon’, which may even be sung by someone else, so different and actually quite good is the vocal line). But then there are high points like penultimate track ‘Sounds From a New Era’, which is just a swirling, synthy, prog noise wall that’s frankly pretty delightful and makes me really want to check this band out live. Then there’s ‘Changing Gear’, which on first listen sounded a bit like something approaching death metal played on synths but next time(s) around sounds pretty awesome.  It’s atonal, with a wonky, jolting rhythm but somehow exciting. The title is a bit of a misnomer.  These aren’t sounds from a vanishing era, they’re sounds from the era we’ve been in for a while. Nothing dangerously new, nothing screamingly old. Just… kind of the same. Top tracks: ‘Sounds From a New Era’, ‘Changing Gear ‘

Aicha


 

N16 MAGAZINE

In bygone days Lush Rimbaud’s home town of Falconara, next to the port of Ancona on Italy’s east coast, was the hub of the country’s locomotive network. Latterly it has spawned a music scene of growing influence. Centered around the activities of the band, booking agencies Caps & Tuna and Hot Viruz, it has also been the hub of a mutual gig exchange network for Stoke Newington and Italian bands. Fittingly, ‘The Sound Of The Vanishing Era’ – follow up to the forward looking elctropunk of ‘Action From The Basement’ – begins with the sound of chuffing trains, which snake into writhing hypnotic drum beats locked onto raw, anthemic guitars, synthesized basslines and seething, witty-politti lyrics. Released on vinyl (with free cd for the older generation) with a hand-etched cover featuring anarchist philosopher Errico Malatesta riding a chameleon-headed cow into a rainbow. Inside, sounding like a magnificent, desperate attempt at salvation for a rapidly disappearing Italy, before Berlusconi finally facelifts the country, fake tanned and smiling, into his world of titty-tv, masonic mausoleums and political polenta. It explores deeper and darker into electro rock n’ roll territory than it’s predecessor and also includes a cameo from local poet/drummer Jan Noble, reading a translation of one of Malatesta’s freedom championing monologues over an echoing, neo-Neu rockout.

Pete Bennet


OX-Fanzin

Man muss es so pauschal sagen: Die italienische Musikszene interessiert hierzulande kein Schwein. Es gibt vereinzelt mal eine Band von südlich der Alpen, die man wahrnimmt, etwa die MOJOMATICS oder KLASSE KRIMINALE, doch das sind EinzelfaÅNlle. Ob es LUSH RIMBAUD schaffen, ausserhalb ihres vom DaÅNmon Berlusconi heimgesuchten Landes mehr als ein Geheimtip zu werden, das wird sich erweisen. Sollte es nicht klappen, lag es aber sicher nicht an der QualitaÅNt ihres künstlerischen Schaffens. Auf dem Nachfolger des Albums „Action From The Basement“ beschaÅNftigt sich die Formation aus Ancona damit, wie Italien vielleicht doch noch zu retten ist vor „titty-tv“ und „political polenta“, vor dem Staatsmann mit SolariumbraÅNune. Explizit politische Texte treffen auf einen Hybrid aus Indie-Rock, Post- Hardcore und Electronic, ja, man hat den Eindruck, als faÅNnden sich im Plattenschrank der Band vom vielen Spielen abgegriffene Alben von TRANS-AM und GIRLS AGAINST BOYS, SUICIDE und EL GUAPO, NEU! und ATARI TEENAGE RIOT. Sie wissen, was sie (nicht) wollen, lassen für ihr Coverartwork den Philosophen Errico Malatesta auf einem ChamaÅNleon gen Regenbogen reiten und haben auch englische Texte, so dass man nachvollziehen kann, worüber und wogegen hier gesungen wird. Eindrucksvoll – wie waÅNre es mit einer Tour gen Norden? (8)

Joachim Hiller


 

TITELmagazin

Weiter geht’s an die Ostküste Italiens. Aus Ancona kommen Lush Rimbaud, die mit The Sound Of The Vanishing Era ihre Definition des Groove abliefern. Track 3, They make money (we make noise), trifft die Situation in Italiens darbender Musikszene auf den Punkt. Gibt es auf dem Stiefel zwar eine lebendige Prog- und Experimentalszene, fehlt es an vernünftiger Infrastruktur hinsichtlich Auftrittsmöglichkeiten, Labels, Vertrieben und so weiter. Bezeichnenderweise werden Lush Rimbaud via Frankreich promotet. Aber was da auf Reisen geschickt wird ist beeindruckend. Roh, direkt, authentisch! Wie eine Dampflok, die langsam Fahrt aufnimmt, walzen sich die vier Italiener durch ihren Spacerockcosmos, der mich ein wenig an Hawkwind erinnert. Sehr percussiv, hypnotisch, verstörend und zwischen die Augen. Die organischen Drums und allerlei Schlagwerk bestimmen den Sound. Würde Berlusconi nicht nur den Speichelleckern aus den eignen Reihen zuhören, er bräuchte kein Botox mehr. Lush Rimbaud ziehen ihm die Kopfhaut schon stramm. Veröffentlicht wird auf Vinyl, dann kommt das Siebdruck Cover – der Anarchist und Philosoph Errico Malatesta reitet auf einer Kuh mit Chameleonkopf über ‚nen Regenbogen – auch entsprechend zur Geltung. Live müsste das richtig gut kommen. Leider sind Konzerte außerhalb Italiens derzeit nicht vorgesehen. Musst du halt beim Sommerurlaub von Rimini aus in die Clubs!

David Eisert


 

BAD ALCHEMY

Haha, with free CD for the older generation. Die Zeit ist gnadenlos. Gleich sechs Labels haben für diese schöne Scheibe ihre Kräfte gebündelt. Ich weiß nicht, was ein auf einem Chamäleon reitender Errico Malatesta – oder ist es ein bärtiger Eddie Constantine? – für Erwartungen weckt? Wer kennt diesen Helden des Anarchismus? Titel wie ‚God trip‘ und ‚Space ship‘ lassen etwas Psychedelisches oder Spaceiges vermuten. Aber die Band aus Ancona macht Dampf, um mit dem Zug aus einer entschwindenden Zeit in eine neue Ära zu rattern. Zum Schienenkilometer fressenden Stampfen des Schlagzeugs gesellen sich fetzige Gitarren und Gesänge in Englisch, die stolz ihre Punksozialisation aus den Fenstern flattern lassen. Zu solcher Rhythmik lässt sich bestens schunkeln, zu derart schrappelnden und heulenden Gitarren mühelos über die berlusconifizierte Gegenwart hinaus düsen. Der Gesang erinnert in seinen besten Momenten ein wenig an Mark E. Smith. Ihm und Seinesgleichen ist es zu verdanken, dass Malatestas Maxime: Wir wollen die Freiheit für alle, für uns und unsere Freunde ebenso wie für unsere Gegner und Feinde. Freiheit, die eigenen Gedanken zu haben und zu verbreiten, Freiheit zu arbeiten und das eigene Leben so zu gestalten, wie es einem gefallt; keine Freiheit natürlich … die Freiheit der anderen zu unterdrücken und die Arbeit der anderen auszubeuten auch in der neuen Ära als Credo in Umlauf bleibt.

BA


MUZZart

D’Italie nous sont venues, ces derniers temps, quelques belles surprises (Three Second Kiss, Aucan, ?Alos aka la géniale et déjantée Stafania Pedretti ou encore Chaos Physique, qui inclut Amaury Cambuzat d’Ulan Bator), et Lush Rimbaud, tout aussi atypique que les groupes précités, faut incontestablement partie, avec son rock incandescent, de cette catégorie. Il ne s’agit pas d’une première sortie et on sent que les ressortissants d’Ancona maitrisent parfaitement cet univers inclassable et impétueux, qui évoque autant Foil que Fugazi, ou encore les Pixies, et Liars pour les structures….déstructurées et la folie sonore qui émane des compositions. C’est d’ailleurs un morceau longue durée (l’éponyme The sound of the vanishing era), à l’instrumentation débridée, alliant guitares puissantes et volubiles, claviers en parfait appui et rythmique impossible à endiguer, qui inaugure les débats avec brio et plante d’emblée le décor. Sauvage, alerte à la Warehouse, ce premier titre assied l’identité de Lush Rimbaud, qui enchaine ensuite pied au plancher avec 2009 crusade et sa batterie assénée. On pense ici de nouveau à Fugazi et l’énergie des Italiens fait la différence, imitée en cela par une basse au groove démentiel et des grattes de feu, aussi convaincantes dans leurs options mélodiques que lorsqu’elles défouraillent sans crier gare. Passé cette entrée en matière tonitruante, le bien nommé They make money (we make noise), lui aussi alerte et rageur, court et frontal, enfonce le clou d’une musique vigoureuse et personnelle dans son contenu, qui se drape d’atours plus hachés sur God trip sans perdre de sa force de frappe et de séduction et en élargissant, par ce biais, le spectre musical de Lush Rimbaud. L’essai n’en est donc que plus convaincant encore, et la seconde partie de l’opus sera bien sur du même niveau, à commencer par les embardées krautrock de Space ship, aussi intense et sonique que psyché dans la répétition des climats qu’il engendre. Puis Sounds from a new era, au titre prémonitoire, instaure une atmosphère grinçante et agitée, sur fond de chant narratif, du plus bel effet. Le contenu fait penser à l’éclatement de Zen Arcade d’Husker Dü, et on ressort de l’écoute de ce disque avec une impression similaire, émerveillée, abasourdie, que les spirales de Changing gear amplifieront. On oscille ici entre le cosmique et le puissant, sur un rythme à la fois vif et lancinant, qui s’emballe ensuite en même temps que le chant. L’effet est saisissant, le style singulier et novateur, et il va sans dire que Lush Rimbaud frappe avec cet album dans le mille. Il se permet d’ailleurs de finir sur une note céleste très vivace sur un The chameleon dominé par les claviers et cette batterie galopante, aux motifs récurrents au point de générer une forme d’obsession ou de dépendance vis à vis de ce dernier morceau de haute volée, voire de l’album dans son intégralité. Superbe oeuvre donc, insoumise et captivante, de la part du combo italien, qui vient s’ajouter à la liste des incontournables de cette rentrée 2010. (4.5/5)


 

ADECOUVRIRabsolument

Ne vous plongez pas dans les poèmes d’arthur pour écouter Lush. Ne traversez pas l’Atlantique pour lui serrer une pogne, certainement virile, prenait l’autoroute vers Ancone, à moins que la SNCF ne soit pas en grève. Ne faites pas une enquête avec une équipe de télévision afin de savoir si un groupuscule à tendance sectaire se cache derrière ce groupe aux visions apocalyptiques. Par contre vous pouvez, le temps de ce disque vous projeter en tant que citoyen italien, et donc vous imaginez sous le férule du magnanime et bigrement détestable pantin président du club en rouge noir, mais aux idées aussi moisies qu’un fruit chez Amélie Nothomb. Imaginez qu’en plus d’être citoyen vous soyez musicien, et plus élevé par ce qui a pu animé les sous sol de la musique, que par les chanteurs italiens des années 80/90, qui donnaient des raisons aux fournisseurs de culottes, de les pourvoir d’un réceptacle pour humidification non maitrisée. Lush Rimbaud serait plus, si une révolution venait à se faire jour, du côté des barricades au côté par exemple du philosophe anarchiste Errico Malatesta. De ce pays qui nous offre depuis quelques mois un math rock latin, un post rock épicé, d’un rock à la tension impossible à mesurer, c’est dorénavant un petit frère de Suicide, un cousin du punk rock, que nous avons à faire. Plus crédible dans ses aigreurs sortantes, que n’importe quel leader d’extrême gauche qui mange ses petits fours en attendant que la caméra s’allume sur son rouge trou de balle, Lush Rimbaud accompagne celles ci, d’un sens aigue du maniement de l’arbalète, une dextérité dans celui de la pédale d’accélérateur, une facilé dans le démontage d’un système à grand coup de chanson-slogan. Certainement moins bien elevé que les chanteurs politiciens qui font des concerts en stade, comme on est en campagne, Lush Rimbaud aurait plus tendance à ouvrir la scène, la grandir pour laisser le peuple crier. Pour le moment celui ci semblait bâillonné, c’est aussi pour cela que Lush Rimbaud crie aussi fort.


 

NEXTCLUES

On leur a donné quoi à bouffer aux ritals récemment? Il semblerait que ce régime Berlusconien leur fasse le plus grand bien – musicalement parlant -, car chaque fois que je reçois un promo en provenance d’Italie (ces disques sur lesquels figurent au verso un sceau argenté, celui de la SIAE, la SACEM qui les pompe à eux), c’est une réussite totale. Et dans plein de genres n’ayant rien à voir les uns avec les autres. Ce qui saute à la gorge avant même qu’on ait pu se retourner, avec cet album de Lush Rimbaud, c’est l’énergie déployée, une euphorie qui est tout sauf feinte. Ils arriveraient presque à me donner envie de lâcher le clavier et de danser, ces joyeux (arrière ?) petits-fils de chemises noires. Ce que Lush Rimbaud recherche, c’est indéniablement la transe, et je pense qu’ils doivent y arriver avec pas mal de leurs jeunes auditeurs aux oreilles indulgentes, tellement ce Sound Of The Vanishing Era est crédible et bien ficelé. Rythmiquement, on pourrait croire qu’ils réinterprètent un krautrock survitaminé, sautant à cloche-pied pour que le croche-patte soit immanquable. D’autres fois, on se laisse embobiner par un poum-poum-poum plus basique, au sourire figé par des substances originalement destinées à relâcher les muscles du sphincter, mais la guitare prend toujours des tangentes joviales, et l’ennui est évité, tous les doigts dans le nez. Ce qui est excitant aussi – alors qu’en toute logique il devrait me rebuter -, c’est l’aspect électro-rock, ce clavier acidulé qui contribue aux démembrements. Un peu comme pour les The Fall de la deuxième moitié des années 80 ? Je dis ça très certainement parce que si je n’avais rien su de Lush Rimbaud, j’aurais immédiatement pensé qu’ils étaient anglais. La faute, en partie, au chant. Celui-ci, le plus étrangement que ça puisse paraître, m’a fait repenser à des saloperies ridiculement mauvaises mais authentiquement addictives qu’étaient PWEI, Carter USM et EMF, gobeurs notoires aux dents proéminentes. Même si les paroles me semblent être engagées à gauche toute – je ne les ai pas sous les yeux, mais le peu que j’ai capté m’a donné ce sentiment -, ce chant extroverti maintient une certaine insouciance, renforce l’optimisme du disque. Quant au petit côté commercial de la chose, il n’a en fin de comptes rien de désagréable. Lush Rimbaud n’est certainement pas ma came, mais en insistant un peu, ça pourrait le devenir. Avec une bonne promo et un peu de chance, ce groupe pourrait vite cartonner. Sur la photo, on voit une vilaine photocop noir et blanc, mais The Sound Of The Vanishing Era est sorti uniquement en vinyle – avec le cd offert, parce qu’il faut aussi savoir assurer ses arrières. Les gratte-papiers n’ont eu droit qu’à ce qu’ils méritent, c’est-à-dire à un cd-r jetable. (7/10)

BIL


 

laMAGICBOX

En dépit de son nom, Lush Rimbaud est bel et bien un groupe de la côte est. On les aurait imaginés venir des USA mais il faudra s’y résoudre : Lush Rimbaud est un groupe d’Ancone, Italie, une ville calme et sans histoire… avant l’arrivée de ce qu’on peut appeler avec certitude un “brûlot rock”. Débuter l’écoute Sounds from a vanishing era ressemble à l’entrée dans une arène aux lins sous une lumière éblouissante. On n’y voir rien tout de suite et il faut un petit temps d’adaptation pour dégager de ce maelstrom, les contours de ce qui sera la musique de Lush Rimbaud. Mais le danger et la peur même sont déjà là. Le groupe nous prend au vif pour ce qui sera le morceau le plus extrême du groupe : des claviers et des guitares mettant à sac tout sur leur passage. Tout est là à l’état de fusion, la musique se reconstituera dès le morceau suivant, 2009 crusade, mais la furie est toujours là. Lush Rimbaud, c’est la rencontre d’un rock noise tendance Sonic Youth, Fugazi voire Helmet mais joué le plus souvent sur les chapeaux de roue comme au bon vieux temps du punk (The make noise). Les Italiens ont une spécificité à ce qui pourraient être ses congénères américains : l’emploi de synthés utilisés dans un esprit indus entre Killing Joke et Ministry (sounds from new era, changing gear). Tout ceci concourt à donner à The sound of the Vanishing era une force de frappe certaine. Une fois n’est pas coutume, il conviendra de préférer les titres courts des Italiens à ceux plus longs et dès lors moins digestes. Lush Rimbaud n’est jamais si fort que quand il vous saute à la gorge pour vous laisser sans vie. (6.5/10)

Denis Z.


 

LIABILITYwebzine

Avec un nom pareil on aurait pu se dire qu’on risquait fort bien de se perdre sur les chemins d’une Americana dépouillée et souffreteuse. Lush Rimbaud n’est pas l’incarnation maladive d’un chanteur maudit qui ressortirait les chansons de sa grand-mère pour évoquer les marécages de la Louisiane profonde. Qu’on se le dise, Lush Rimbaud est bien un groupe. Le folk, ils ne connaissent pas et seul compte une musique électrifiée qui se veut comme un prolongement entre le math-rock, le punk et le hardcore. Pour ce nouvel opus uniquement sorti en vinyle, il faudra une platine bien équilibrée car Lush Rimbaud donne beaucoup d’impact à ce qu’ils font. Certes, ces italiens d’Ancone ne font pas dans la dentelle et la subtilité n’est pas leur fort mais l’intransigeance des morceaux font trembler les murs et vous arrive en pleine figure comme si vous veniez de prendre des coups de pelle. Quelle que soit la longueur du morceau, le groupe impose la même intensité, a le même engagement qui vous retourne les boyaux. Les choses sont donc simples. Lush Rimbaud n’est pas un groupe qui cogite trop longtemps et, une fois encore, avec ce genre de formation, tout se passe dans l’instant, sans détour, à l’état brut. Déployer une énergie sonique serait sans doute la chose la plus aisée à réaliser. C’est ce que l’on peut croire. Mais ne pas maîtriser cette énergie et ne pas savoir lui donner un sens est tout aussi dommageable. Lush Rimbaud, même s’il n’est pas le groupe le plus extraordinaire du monde, parvient à être d’une formidable constance et maintient un niveau d’excellence qui est à cent mille lieux d’un amateurisme brouillon. Non, Lush Rimbaud, sans chercher la sophistification, ne veut, tout simplement, que toucher sa cible. Sur l’ensemble des huit morceaux on ne peut pas dire que les italiens aient la tremblote et qu’ils aient manqué ne serait-ce qu’une seule fois le coeur de ladite cible. Et contrairement aux autres membres de la même tribu, Lush Rimbaud ne s’attache pas forcément au format court. Le groupe sait faire durer le plaisir comme sur Sounds From a Vanishing Era, Sounds From a New Era ou Changing Gear. Certes, il s’en trouvera toujours pour dire que la formation transalpine est parfois un peu trop bavarde mais, globalement, ce nouvel opus transpire le sans faute.


 

BLOWup january 2012

La storia di “The Sound Of The Vanishing Era” è ancora calda essendo il disco uscito su vinile nel 2010 ma praticamente già conosciuto da mezzo globo terraceo indie, italico ed europeo. La sua ristampa in CD aggiunge poco nel vero senso della parola (unica bonus track una Streamreceptor riempitivo spacey) a un album che ha ricevuto diversi consensi. I Lush Rimbaud d’altronde presentano una musica con cui è facile andare d’accordo se si sanno maneggiare certe tendenze stilistiche maturate nell’ultimo decennio in ambito diremmo post-punk. A loro quindi il merito di aver fissato le poderose quadrature e gli spigoli del noise, la reiteratività cosmica del kraut rock, le meccaniche e l’acidità delle propaggini synth/elettrock in un qualcosa di effettivamente coinvolgente, neurotrasmesso a livello fisico. Esprimono infatti un forte senso di partecipazione, anche a livello vocale, i nervosi incalzi di 2009 Crusade, per non parlare della febbrile They Make Money (We Make Noise) che sembra trovare una riduzione sonica tra Drive Like Jehu e Oneida. Nonostante certi riferimenti però, nella title-track, in The Chameleon o nella ‘tarantella’ di Space Ship certe peripezie strumentali sembrano richiamare anche una baldanza progressive. A Sounds From A New Era spetta invece elaborare le spinte futuristiche in una dilatata dimensione siderale. In tutto questo mi chiedo ancora che c’azzecca il povero pensatore anarchico Errico Malatesta.

Fabio Polvani


 

ROCKERILLA April 2010

Non ci è dato sapere quale sia la “vanishing era” cui fanno riferimento gli anconetani Lush Rimbaud, ma ci auguriamo sia quella che ci stiamo lasciando alle nostre spalle. Il presente album è il seguito ideale del loro esordio del 2007, l’eccellente “Action from the Basement”. Ancora una volta il quartetto composto da Tommaso Pela (voce,chitarra e synth), David Cavalloro (chitarra e synth), Marco Giaccani (basso e theremin) e Michele Alessandrini (batteria) dimostra di avere idee brillanti e capacità tecniche per realizzarle. Dopo un autentico tour de force di date in giro per la Penisola, i Lush Rimbaud sembrano aver acquisito una coesione straordinaria, oltre ad una rinnovata determinazione sonora. “The Sound of the Vanishing Era” è un perfetto mix di sonorità post punk di scuola Gang of Four/Pop Group e influenze americane eterogenee sulla scia di TV on the Radio, Sonic Youth, Fugazi, Oneida e Liars. L’introduzione di synth sulle chitarre abrasive di Pela e Cavalloro avviene con garbo e senza strafare, realizzando un amalgama potente ed efficace. Un fronte sonoro che si incastra con una sezione ritmica potente, capace di divincolarsi dalle pastoie dell..hardcore per abbracciare la meccanica ripetitività del post punk inglese e del kraut rock. Alcuni brani esplodono con vibrante intensità, mentre altri conducono a scenari musicali più raffinati. Le otto tracce in scaletta, prodotte impeccabilmente da Fabio Magistrali, colpiscono direttamente al cuore di chi ama il suono del rumore. 8/10

Simone Bardazzi


 

FUORI dal MUCCHIO April 2010

Uscito nel 2007, “Action From The Basement”, il primo album targato Lush Rimbaud, ha dato una certa visibilità agli anconetani, arrivando a suscitare anche l’interesse del settimanale britannico “New Musical Express”, il quale ne lodava l’impatto sonoro, nella fattispecie parlando di “teso flusso sonico” e “ipnotica andatura elettronica”. Il seguito, “The Sound Of The Vanishing Era”, registrato da Fabio Magistrali, ribadisce la potenza di tiro dei quattro, e la loro propensione a mescolare gli schemi ciclici e ripetitivi di certo krautrock con una fresca e convincente passione per il post punk britannico più tagliente. Caratteristica quest’ultima che nel trapestio di “They Make Money (We Make Noise)” lascia nell’aria una vaga traccia della misantropia sferragliante dei Fall. La tempesta elettrica, volutamente pestona, selvatica e un po’ sconnessa (ma capace di aggregarsi in vortici di sequencer) di “Space Ship” è un livido incubo elettro-country, pieno di entusiasmo però, che non può lasciare indifferenti, e infatti ci convince ben presto di essere il brano migliore del lotto. All’interno di un disco che, in ogni caso, è bello denso e pieno di energia, e non ha momenti di stanca, attraversato com’è da una persistente e molesta tensione elettrica. Bravi, e parecchio.

Alessandro Besselva Averame


 

NERDS ATTACK!

Sembra passata una vita da quel lontano 2007, anno in cui gli anconetani Lush Rimbaud debuttavano con un album fragoroso per poi passare anche sul palco romano del Sinister Noise Club. Una vita spesa bene, se è vero che questo secondo capitolo (prodotto dal team di etichette FromScratch, Brigadisco, BloodySound, HotViruz, SweetTeddy e NarvaloSuoni) è un montante destro in pieno volto. Dove il protagonista principale è l’anarchico Errico Malatesta (il barbuto raffigurato nella copertina per una grafica opera di Rocco Lombardi) ed i suoi scritti che fanno da ideale sceneggiatura per un disco profondamente influenzato dalle reiterazioni del kraut rock. Ma non solo. Quella del quartetto marchigiano è musica visionaria. Cardio-accelerata. Cerebro-nervosa. Lanciata in orbita nell’universo sconosciuto. Uno dei picchi più alti della musica underground tinta di bianco-rosso-verde. Con un trittico finale (cosmico) da far paura. [****1/2]

Emanuele Tamagnini


 

laSCENA

Li amo. Perché li amo. Vuoi sapere di più? Va bene. Allora ti dò un indizio. I Lush Rimbaud avanzano con un’attitudine punk che pervade tutto questo “The Sound of The Vanishing Era”, tanto che – ad esempio – dopo i primi 8 minuti ti convinci che la batteria sia uno strumento capace di fare solo quello che senti nei suddetti 8 minuti di fuoco. Come direbbe l’eminente filosofo Bugs Bunny, Tu certamente sai che questo significa guerra. E infatti, così è. Ogni numero, una tessera del mosaico composto al solo scopo di essere distrutto e utilizzato come risorsa per il tiro al bersaglio contro l’insano piccione. Se fino a They make money (we make noise), rimanere immobili come statue e col sorrisetto beffardo stampato sulle labbra a dimostrare sincero ma contenuto apprezzamento era abbastanza deprecabile, arrivati a God Trip, chi non balla è scemo. Poi c’è una specie di polka spaziale e un convegno intergalattico di campionamenti vocali contraddistinti da splendido ed impeccabile accento. Scusa, sto entrando in galleria e per due anni potresti non sentirmi più. Mi rendo conto della follia di tutto questo, ma provaci tu. Provaci tu a descrivere l’entusiasmo per l’eutanasia della noia. Basta. Mi sono rotto di te. Di te e del tuo proposito di scrutare in modalità intensiva i lacci delle mie scarpe per scoprire l’errore alla base della loro scarsa resistenza agli assalti del tempo. Datti pace. Il mocassino si è sempre dovuto scontrare con l’idiozia dell’assunto secondo cui un lungo e flaccido filo cubico in cuoio dovrebbe mantenere l’intreccio. Ecco, questo è quello che penso di “The Sound of The Vanishing Era”. Un disco che ti permette di non chiederti perché o come. O meglio, non te ne dà il tempo. E questo, in definitiva, è un cazzo di pregio. Eccome se lo è!

Ruggero Trast


 

OSSERVATORI esterni

La libertà e l’anarchia di un suono che guarda al futuro. “The Sound of the Vanishing Era”, già il titolo la dice lunga. I Lush Rimbaud hanno le idee chiare, i tempi proiettati nella testa, una passione sfrenata per il rock’n’roll che si tinge di kraut, no wave e psichedelica. Il risultato è qualcosa da far gridare al miracolo. Immaginate gli Amen di “Coma America” liberati del fardello  “nu metal band” e con le rotelle finalmente a posto. L’impressione è quella di salire sullo scompartimento anarchico di una locomotiva con la punta proiettata verso il futuro. Il vento che filtra dai finestrini bordate di micidiale post punk, l’aria condizionata tipici droni di scuola Oneida a conferire quel tocco cervellotico in più. Non mancano gli inni generazionali, “They Make Money (We Make Noise)” è una presa di posizione che ricorda vecchi testi degli Spacemen 3, “2009 Crusade” sembra uscita direttamente dall’omonimo album dei Drive Like Jehu. Allo stesso tempo, tirare fuori discorsi nostalgici non avrebbe alcun senso. Qui si perfeziona un prodotto moderno, che cita i maestri rileggendoli di pari passo. Che si fottano le cartoline in bianco e nero. Oggi scrutiamo l’attualità, ma è una rivisitazione deformata dall’assunzione di droghe. Quello dei quattro marchigiani è un tornado che investe i 35 minuti del disco, la pulsazione della nuova era che ti perfora il cervello, con l’ossigeno che scarseggia e il male del mondo che avanza inesorabile. Prodotto da sei etichette indipendenti, “The Sound of the Vanishing Era” sta raccogliendo semi cattivi in giro per l’Europa. La festa è a Recanati il 5 novembre prossimo. 7.5/10


 

ACIDIVIOLA

Se avete bisogno di un buon album post-punk noiseggiante, questo The Sound Of Vanishing Era può dimostrarsi qualcosa di perfettamente azzeccato. Con ogni strumento al posto giusto, rumoroso quanto basta a fartene volere sempre di più, con suoni organizzati divinamente da un Fabio Magistrali sempre più dappertutto. Ed è la title-track, primo brano di questo piccolo gioiellino, a farci capire tutto questo. Quanto l’album può cullarti nella sua rumorosità, al punto che manco ti rendi conto che (il primo pezzo, Sounds Of The Vanishing Era) è durato quasi sei minuti. Altra cosa che (mi) affascina di questo cd è la non-presenza del cantato screamo. Molti altri gruppi, in pezzi così aggressivi avrebbero urlato fuori il testo in un modo che molte volte risulta seccante. Qui, in tutti i brani, ma soprattutto nella seconda traccia 2009 Crusade, è la musica che ti aggredisce, e le voci seguono facendo un ottimo lavoro. Nella successiva They Make Money (We Make Noise) troviamo un fiero atteggiamento punk, sia nella musica che nel pensiero espresso fin già dal titolo, e un vero pugnoinfaccia che ti colpisce in pieno. Più avanti, in God Trip, brano che inizia in una sorta di noisy-funk e si trasforma lentamente con alcuni movimenti che riportano alla mente l’emo degli anni novanta (gli At The Drive-In, ma non solo). Immaginate poi, continuando, il suono della nuova era (Sounds From A New Era) come una sorta di post-rock ultradistorto mischiato alla vecchia attitudine punk. Il testo recitato piuttosto che cantato, la batteria punk, il noise di sottofondo sono tutti elementi che rendono questo brano uno dei migliori dell’album. E da qui, questa sorta di elettropunk che è venuto a galla, sarà più che presente. Con synth che gracchiano, colorano, esplodono e distruggono organizzati non bene, ma benissimo. Un album questo, che si ambienta perfettamente nelle rumorose Marche, che da un pò di tempo sta regalando gruppi davvero interessanti.


 

TROUBLEzine

Il secondo album dei marchigiani Lush Rimbaud solo per la title-track che apre il disco varrebbe il costo di acquisto. Sounds from a Vanishing Era è una bomba ad orologeria che si allontana leggermente dalla nu-rave degli esordi dando un respiro ed una anima decisamente più importante alla band che si sposta su atmosfere alternative e post-rock, che però non diventano come spesso capita di difficile digestione perchè il gusto per le melodie resta sembra ben impresso in ogni passaggio di questi spettacolari sei minuti e passa che aprono l’album. L’inizio è talmente buono che il disco poi inevitabilmente cala, anche se non mancano diversi altri ottimi passaggi in cui l’incastro tra sintetizzatori che quasi sempre guidano i brani e chitarre riesce particolarmente bene, specie nella parte centrale con una They Make Money (We Make Noise) che guarda al punk e che potrebbe tranquillamente diventare un inno rave da qui a breve o Space Ship che ossessiona con i suoi ritmi ripetuti. Decisamente una seconda opera molto molto convincente che offre ai Lush Rimbaud spazi ben più importanti della (generalmente) ristretta platea italica, un disco che se entra nei canali giusti può davvero conquistare parecchia gente in Europa diventando la sorpresa di questo 2010.

George


 

SALTINARIA

Li ascolti e non ci credi, li riascolti e ancora non ci credi. Ma è possibile che siano italiani? Tutto vero, i Lush Rimbaud sono italianissimi, e con “The Sound Of The Vanishing Era”, confermano quanto di buono si pensava di loro dopo i primi due album. Stile nord europeo, grinta italiana. Otto tracce coinvolgenti e sconvolgenti per intensità e carica emotiva. Album che scorre via tutto d’un fiato senza pause e senza buchi. “Sounds From A Vanishing Era” apre il disco con un crescendo di intensità notevole. Sei minuti di carica adrenalinica che fanno da antipasto ad un lavoro davvero ben fatto. Nessuna delle tracce del disco è messa lì tanto per riempire, tutto calza a pennello.“2009 Crusade” e “They Make Money (We Make Noise)” sono echi di punk e post-punk da eccitazione pura. Sferragliare di chitarre in “God Trip”, note sintetiche in “Space Ship” e “Sounds From A New Era”. Elettronica allo stato puro ti trasporta in una dimensione futuristica in “Changing Gear”. Il disco si chiude con “The Chameleon”, il cui messaggio sembra essere “vi abbiamo bastonato per tutto il disco, adesso state buoni lì e pensate a quello che avete ascoltato…”.I Lush Rimbaud meritano di essere ascoltati con attenzione, e con pieno godimento. Per loro dovrebbe essere questione di momenti, e la platea europea si accorgerà di questo gruppo nostrano, capace di sconvolgerti la mente con trentaquattro minuti di punk psichedelico. Complimenti.

Eugenio Iannetta


 

MUSICAOLTRANZA

Una locomotiva con tutto il treno attaccato. Una mazzata nei denti questo secondo album dei Lush Rimbaud. Una botta. Un album di una potenza tale da impedirti di star fermo, che però si lascia ascoltare con la stessa facilità di un qualsiasi disco pop. Un ibrido di alternative rock, grunge e post punk; ruvido e graffiante così come noise e distorto, ripetitivo ad un passo dall’esser claustrofobico. Al timone il sommo Steve Albini ci mette tutta la sua esperienza per dare il colpo di grazia ed annunciare questo “The Sound .. “ come l’album più interessante e maturo della band di Ancona. Un dubbio che non mi molla riguarda la provenienza del terzo brano “You Make Money,. I make noise” , che secondo me è una cover anche se non son riuscito a trovare conferme in rete (Mudhoney o TAD i candidati).. Chiedo quindi di illuminarci a qualche amico, fan, o membro della band …


 

ROCKLINE

Introdotto da una copertina bizzarra e carica di reminescenze psichedeliche (realizzata dall’artista formiano Rocco Lombardi e ritraente il teorico anarchico Errico Malatesta), The Sound Of The Vanishing Era rappresenta il secondo capitolo di studio dei quartetto riunito sotto il moniker di Lush Rimbaud, che ritorna a distanza di due anni e mezzo dall’esordio Action From The Basement. Ipnotico e graffiante, il disco costituisce un’ambiziosa sperimentazione a cavallo fra i lidi meno convenzionali del Punk e la follia Psych/Kraut che scava nella dimensione degli anni Sessanta/Settanta; l’esplosiva commistione tra l’acidità delle chitarre, la carica travolgente delle sezioni ritmiche e gli effetti cacofonici di stampo Noise risulta un elemento raro da scovare all’interno dell’ormai florido panorama indipendente italiano e per questo apre nuove prospettive per una formazione giovane ma ricca di interessanti soluzioni stilistiche. Quella dei Lush Rimbaud può essere considerata una sorta di riscoperta dell’avanguardia degli anni Sessanta, mediata da una spiccata sensibilità Post Punk e Noise memore delle rispettive scene inglese e americana: la testimonianze più vive di questo peculiare registro sono conferite dalla titletrack, che apre l’album con i suoi toni densi di follia, e dal singolo 2009 Crusade, intriso dell’anima marcia del Punk più tagliente e anticonformista. Sebbene They Make Money (We Make Noise) non risulti all’altezza delle precedenti tracce, a causa dello scontato binomio interpretazione vocale-andamento strumentale vorticoso, l’album garantisce un momento di elevata freschezza timbrica con God Trip, frammento incastonato fra tradizioni musicali opposte che si conciliano per l’occasione. Quest’ultimo episodio ritrae al meglio l’universo Lush Rimbaud, dove non esiste spazio per l’introspezione posata ma è il crudo istinto a regnare sovrano. Ritmi di stampo Electro e destrutturazione del concetto di canzone sono invece gli aspetti centrali di un esperimento come Space Ship, che porta all’esasperazione la carica interna all’album. L’inquietudine che permea poi Sounds From A New Era ripercorre da vicino i meandri più spettrali della scuola di Modern English e This Heat poiché voci narranti emergono da un substrato colmo di effetti, divincolandosi all’interno di quello che appare sempre più come un incubo lontano dagli stilemi del panorama indipendente nazionale. Non manca neppure un tocco di malata Psichedelia mista Sludge che rievoca il tormento strumentale dei Morkobot in un brano come Changin Gear, prima di lasciare a The Charmeleon il compito di concludere l’opera con la sua indole soffocante e non priva di una patina di disagio. In definitiva il four-piece di Ancona riesce a sorprendere per una versatilità stilistica e una padronanza tecnica comuni a poche formazioni del sottobosco sperimentale underground. Nonostante alcune sezioni di The Sound Of The Vanishing Era evidenzino ancora la non completa maturità dei Lush Rimbaud, si devono premiare gli sforzi profusi da questa realtà emergente, i cui margini di miglioramento sono ancora ampi e lasciano percepire un futuro ricco di soddisfazioni e di nuovi traguardi. (73/100)

Edoardo Baldini


HATEtv

I Lush Rimbaud pubblicano il loro album numero due per una co.co.co…produzione che vanta le firme FromSCRATCH, Brigadisco, Hot Viruz, Sweet Teddy, Narvalo Suoni e Bloody Sound Fucktory. Un genere alternativamente innovativo, un suono aggressivo ed esagitato, ma dotato di una bontà di fondo che non crea pericoli nell’essere da esso sopraffatti, anzi al primo ascolto – dato con attenzione – se ne comprende la forza, una forza addirittura atuorigenerante. La loro musica gode di un suono fresco, sveglio, carico e rapido. Non da spazio a ripensamenti ed è uno sfogo continuo. La prima traccia, Sounds from a Vanishing Era, il cui nome si rifa a quello del disco, è la più lunga e si presenta come una specie di generale introduzione all’album stesso. Davvero ritmi concitati, la batteria è sempre dietro a picchiare giù sui vari piatti e tamburi, le chitarre impazzite sfornano ghirigori musicali sfrontati, in continuo loop evolutivo, ed ogni momento è simile a quello successivo, ma non uguale, come ad esempio in They Make Money (We Make Noise). L’uso della voce distorta, spesso alta, ci fa sentire in corsa, i contro tempi ci sbattono addosso. Dinamicità è la parola chiave di questo album. Ragionata velocemente anch’essa. Ad esempio God Trip o Space Ship, brani in cui la struttura della canzone è distrutta, i suoni risultano maturi ed è evidente una costante ricerca di un qualcosa sempre nuovo, questo è l’effetto che viene regalato durante l’ascolto, anche se a volte questa percezione è solo un’illusione. E questo è importante, poichè è un’illusione mai svelata. E piace così. Infinite atmosfere le si possono trovare in Sounds From a New Era in cui un groviglio di chitarre e synth davvero spaziali spingono a visioni futuristiche da far invidia al Doctor Who & company. Changing Gear mantiene alte le tematiche dei contro tempi, basso (davvero un gran basso in questo pezzo) e chitarra sono altamente schizofrenici, il sound è così punk elettrico da sembrare quasi un pezzo new rave. The Chamaleon chiude degnamente il tutto con un’intro lungamente ipnotica, una parte tardo-centrale cantata forse volutamente molto corta e poco strumentata e un corale climax finale da dire, fateci un applauso. Davvero bravi.

Alessandro Rabitti


 

ROCKSHOCK

I Lush Rimbaud, dalle Marche con furore. In trentacinque minuti The Sound Of The Vanishing Era scarica una botta adrenalinica di generi e idee che va ben al di là del filone nu-rave, a cui troppo spesso vengono accostati. Ispirati liricamente all’anarchico Errico Malatesta, ritmicamente ipnotici ed ossessivi, sono influenzati tanto dal post-punk che da derive kraute, non fuggendo da tentazioni hardcore. Essenziali, lucidi, aggressivi, proviamo ad azzardare nomi di band d’oltre oceano per darvi meglio delle coordinate sonore: Battles, Jesus Lizard, Oneida. Le chitarre dei Lush Rimbaud cercano di farsi largo a suon di distorsori tra synth e ritmi che reclamano – e spesso ottengono – il primo piano. Un disco perfettamente a fuoco, che non sembra italiano (è un complimento) e neppure troppo derivativo da suoni e tessiture anglo-americane (4/5).

Massimo Garofalo


INDIEforBUNNIES

Suggestioni Kraut, derivazioni Post – Punk e reminescenze Psych, con grande tendenza al degenero sonoro quanto anche a ritmiche secche e a pezzi più tirati. Nessuno, non conoscendo la provenienza dei Lush Rimbaud, si immaginerebbe che tutto ciò sia nato nella città di Ancona. Eppure sì, anche in Italia certe sonorità si sfruttano e lo si fa piuttosto egregiamente. L’ensemble italico sigla con “The Sound Of The Vanishing Era” il suo secondo disco, registrato e missato da Fabio Magistrali. L’idea che fornisce di sé è quella di un gruppo dal suono compatto, che si muove con la consapevolezza dei propri mezzi e delle sue capacità. Otto episodi e nessuno di questi sa di riempitivo: non è in assoluto una cosa scontata. I Lush Rimbaud non lasciano spazio a lungaggini e sbrodolature, ma puntano sull’essenzialità e soprattutto su una efficace convivenza, come già scritto sopra, di brani più elaborati e vicini al viaggio sonoro con pezzi ossessivi, influenzati da Post – Hardcore e dal Post – Punk, senza però mettere in ombra la loro vena allucinogena. La title – track d’apertura, per ritmica e per trama strumentale, potrebbe esser stata partorita da una band come gli Oneida, mentre nei passaggi successivi vi sono tracce come “2009 Crusade” o “They Make Money (We Make Noise)”, che sanno di Fugazi e Jesus Lizard. “God Trip” e “Space Ship” sono, invece, titoli che parlano da soli senza bisogno di troppe spiegazioni, con la componente Kraut a far da padrona. Si torna sulla falsariga dell’incipit con la tripletta finale, che scardina corposi muri di chitarre che lottano con i synth e le mai banali ritmiche del basso e della batteria. Un disco, “The Sound Of The Vanishing Era”, che forse non si fa portabandiera dell’originalità e dell’innovazione, cose che però poco ci interessano ai fini della valutazione di un lavoro riuscito e centrato, che sfrutta, con discreta personalità, gli stilemi di generi da tempo esistenti dai quali tanti gruppi hanno già attinto, in passato come adesso. Non resta dunque che godere anche di questo gruppo nostrano, che sicuramente regalerà bei momenti agli amanti di certi suoni.

Marco Renzi


 

KOMAKINOzine

Da Falconara, prossima ad Ancona, i quattro Lush Rimbaud sono giunti al secondo LP, questa volta coprodotto da sei locali indie, tre anni dopo il CD Action from the Basement, – che definirei una bella introduzione alla loro inventiva musicale, poi riversata qui in The Sound Of The Vanishing Era. Questo nuovo capitolo del Loro sound sembra quella sorta di passo nella maturità, una maturità che focalizza il lato più frenetico di ritmiche acido-ossessive e barriere noise-dissonanti post-punk: e quando i gruppi si mettono a fare le cose seriamente, – io, quale ascoltatore, divento piuttosto esigente. Percussioni picchiaduro dance punk (davvero un bel lavoro), – forse la vera spina dorsale di tutta la tracklist, – synth doloranti, due ragazzi alle voci (ben riuscite su 2009 Crusade), caos riempito con melodie spezzate anti-pop (Changing Gear), feedback, abrasive linee di basso: l’intero album ha una serie di cariche esplosive, non v’è dubbio (sentite la perfetta intro e il susseguente lancio senza respiro di They Make Money (We Make Noise)), – e per quanto personalmente non vi trovi fra queste ancora “il pezzo”, quello memorabile, – ogni canzone ben si ancora al comune sentimento concettuale dirompente. Pile di energia liberata, – spesso qualcosa di irresistibile, come con God Trip, o anche la synth-driven Space Ship, nonchè la lunga fuga post-industrial, con tanto di batteria e percussioni, di Sounds From A New Era. Un buon disco, a volte stressante nella sua mono-scelta caustica, ma cmq con dei buoni pattern e schemi di rancida manipolazione della materia. Un’ultima nota di merito va di sicuro all’autore della bella copertina multicolore dell’album, a firma di Rocco Lombardi.

Pall Youhideme


 

MESCALINA

Non guardate con occhi maligni questa buona realtà italiana di Ancona: ce ne fossero di gruppi capaci di farci assaporare questa carica di pura adrenalina rock and roll. Solo perché i Mission Of Burma sono recentemente tornati a visitare i vostri lettori ammaliandovi con un disco esplosivo, non significa che i Lush Rimbaud non siano all´altezza di certe prodezze. Qui siamo all´energia più pura, linea melodica sviluppata in un sorta di catena di montaggio, fino a giungere ad ampi spazi fluttuanti e ´tripaioli´: carica e ancora energia, l´operosità di brani come ´2009 Crusade´ e ´They Make Money´ fanno breccia a discapito di uno stile più “space rock” bene rappresentato da ´Sounds From Vanishing Era´ e da ´God Trip´ in cui suoni echeggianti fanno da contorno a cavalcate psichedeliche tendenti allo stoner-rock.  Il quartetto usa facili ingredienti per catturare l’attenzione, innanzitutto in questo gran casino post-punk lentamente rilascia melodie apprezzabili e ricercate, non eccede nel tecnicismo anche se le raffiche ritmiche, le liriche libertarie ed ipnotiche e i cambi di scena sono abilmente serviti come il piatto migliore consigliato dallo chef. Durezza e passione sembrano avere unito questo quartetto proveniente dalla provincia italiana, formati nel 1998 e già al secondo disco ufficiale firmato dalla sala di regia dal buon Fabio Magistrali. I complimenti sono dovuti, non necessitiamo nemmeno della verifica live, perché certe tirate soniche prese in diretta danno l´idea di quello che la band sa fare; per tanto i migliori in bocca al lupo e Rock and Roll!!!

Vito Sartor


 

PANOPTICONmag

Il suono di un’era che scompare, decadente e distruttivo, ma sicuramente non rassegnato. Diciamo subito che c’è un filo conduttore che si rintraccia in tutto il disco che è fornito dall’anarchico del secolo scorso Errico Malatesta (che appare anche in copertina mentre cavalca un muccaleonte spaziale in un’opera di Rocco Lombardi). I Lush Rimbaud prendono la figura del filosofo e ne danno una rivisitazione moderna e intergalattica, rendendolo fonte d’ispirazione per il nuovo disco, Sounds of a Vanishing Era, in uscita per un collettivo di diverse etichette indipendenti. La genuina attitudine post punk che li caratterizza sin dagli esordi crea il giusto pathos intorno all’immaginario appena descritto, dando origine ad un lavoro che ha ricevuto attenzioni anche da critica e pubblico al di fuori dei confini nazionali. In “Sounds of a New Era” sono le stesse parole di Malatesta narrate in inglese, cariche di ferrea anarchia, a fare da protagonista, quasi una risposta d’orgoglio al messaggio dato con l’iniziale “Sounds of a Vanishing Era”. Si passa per il punk noise di “2009 Crusade”, attraversando territori che toccano il math rock, come in “Space Ship” e “Changing Gear”, fino ad arrivare alle fluide e veloci melodie dell’ironica e riuscitissima scheggia punk “They Make Money (We Make Noise)”. I ritmi sono quasi sempre serrati pur accusando un po’ di calo con lo scorrere delle tracce. Le melodie sono ruffiane quanto basta per catturare anche l’orecchio più diffidente verso tali suoni, anche se forse il difetto maggiore lo si riscontra negli innesti vocali. In definitiva un lavoro che lascia evidenti margini di miglioramento per una band dal grande potenziale. We believe in you. (7/10)

C.M.


 

AUDIODROME

The Sound Of The Vanishing Era parte con il botto, nulla da eccepire in proposito: la title-track si insinua sotto pelle e trascina all’interno di un vortice polimorfo in cui tra feedback, synth, ritmi trascinanti e melodie vocali sghembe si rischia di perdere il senso dell’orientamento e venire sommersi dall’onda. Difficile ingabbiare la scoppiettante formula della band marchigiana all’interno di facili definizioni di genere o stile, visto che al suo interno sgomitano e si rincorrono umori cangianti e soluzioni inaspettate. Il resto dell’album segue il percorso a colpi di post-punk, post-rock, nu-rave, electro-beat e chi più ne ha più ne metta, il tutto amalgamato da una scrittura tanto eclettica, quanto riconoscibile e personale. A far da cornice alla musica, un artwork a firma Rocco Lombardi su cui troneggia Errico Malatesta a cavallo di una chimera dal muso di camaleonte e dal corpo di vacca, con il mondo a fungere da manto, un’immagine dai molti rimandi simbolici e dalla grande forza evocativa. Il premio per il miglior titolo va a “They Make Money (We Make Noise)”, vero e proprio manifesto programmatico di una formazione che fa del rumore melodia e viceversa, così da dar vita ad una girandola di sensazioni cui la velocità di rotazione fa da collante. Alla lunga, l’effetto si stempera lievemente, ma la visione d’insieme rende giustizia ad un lavoro cui non difetta di certo la capacità di catturare l’attenzione e di imprimersi nella memoria. Per onnivori di ogni genere e specie.

Michele Giorgi


 

MIUSIKA

Spesso si sente parlare di come il disco (che sia su cd o vinile poco importa) come supporto alla diffusione della musica stia per scomparire. Aldilà del fatto che discorsi del genere vengono sempre fuori quando è in atto qualche piccola rivoluzione tecnologica, infatti lo si è detto per i libri quando uscirono i primi e-book (ed ora che è uscito l’iPad è tornato di moda), lo si è detto per i quotidiani e i settimanali (tornata di moda anche questa sempre grazie all’iPad), lo si è detto per le sale cinematografiche con l’arrivo delle videocassette, lo si è detto addirittura per i musicisti in carne ed ossa all’indomani della commercializzazione delle prime drum-machine e dei primi campionatori a prezzi umani. Ecco aldilà di questo modo insensato di reagire alle novità che viene poi smentito dai fatti, infatti i libri esistono ancora così come i giornali e soprattutto ci sono ancora i musicisti (alla faccia di qualsiasi programma di sequencing, di campionamento o di simulazione varia e variegata) ciò che cambia semmai è l’offerta e la possibilità (aumentata e diversificata) di fruizione. Altrettanto sta avvenendo nel campo musicale. E’ vero che di dischi se ne vendono molti di meno a causa del (o, a seconda dei punti di vista, grazie al) file sharing e di tutte le possibilità che la tecnologia digitale ha introdotto e sta introducendo (che va detto ha trovato in passato terreno fertilissimo per colpa dei costi alti dei dischi stessi e in Italia in misura ancora maggiore viste le tasse assai poco lungimiranti, questo discorso lo si può applicare tranquillamente anche al mercato dei videogiochi, ed una volta scappati i buoi hai voglia a cercare di rimetterli dentro il recinto attraverso leggi penali e balzelli siae) però il fascino che ha un disco, se in vinile ancor di più, rispetto ad un evanescente file digitale non ha eguali. Il fascino che può dare una copertina e il messaggio che può trasmettere sono estremamente importanti, tanto da diventare parte integrante del disco stesso, riuscireste mai ad immaginare l’omonimo album dei Beatles diverso o l’omonimo dei Metallica? Le loro copertine nella loro semplicità sono talmente potenti da aver assunto vita propria tant’è che comunemente uno non lo si chiama The Beatles ma il White Album e l’altro è più conosciuto come il Black Album invece di Metallica. Ovviamente non per tutti i dischi è così, ci vogliono anche i contenuti chiaro, però il biglietto da visita rappresentato dalla copertina può essere fondamentale nel comunicare i possibili contenuti o semplicemente per attirare la nostra attenzione. La copertina di The sound of the vanishing era, ad opera di Rocco Lombardi, che raffigura l’intellettuale anarchico Errico Malatesta (teorizzatore della differenza tra anarchia e anarchismo) a cavallo di un “muccaleonte” spaziale con l’Europa come mantello ci introduce egregiamente alle tematiche contenute nel secondo album degli anconetani Lush Rimbaud. La forma musicale scelta dai Lush Rimbaud per parlare di anarchia, di politica, società civile e delle sue contraddizioni è quella di un sound potente e compatto che si muove su più fronti del rock alternativo. Partendo dall’iniziale title-track dal sapore psichedelico di scuola Motorpsycho (linee vocali escluse), passando attraverso sonorità d’ispirazione Jesus Lizard e di scuola Dischord, si arriva a brani che profumano di math rock, il tutto su una base profondamente post-punk con una leggera prevalenza delle influenze degli Wire e soprattutto dei Killing Joke ed addirittura con delle reminiscenze dei Wall of Voodoo su God Trip. Sostanzialmente i Lush Rimbaud hanno dato forma ad un sound che non fa sconti e picchia duro ma che non disdegna la melodia in cui le chitarre si intrecciano e si incastrano perfettamente con suoni sintetici e le linee di basso e dove la batteria (mai banale) guida e detta tempi e cambi in maniera egregia, davvero buono il lavoro fatto in fase produttiva (curato dal quartetto anconetano insieme a Fabio Magistrali) tranne qualche penalizzazione come volume sui tom, comunque la qualità degli otto brani che formano l’album è sempre buona dando un ottimo supporto alle linee vocali e ai testi che dall’opera di Malatesta prendono spunto. A voler esser pignoli proprio le linee vocali e i testi sono l’unico punto debole di The sound of the vanishing era, le prime per esser più che altro declamate o urlate e molto povere di linee melodiche, i secondi per essere solo ed esclusivamente in inglese, capisco la voglia di avere un suono internazionale però visti i temi trattati e il riferimento diretto a Errico Malatesta un minimo di coraggio a cantare anche in Italiano e perché no con delle linee più melodiche me lo sarei aspettato (Capovilla insegna  ). Del primo lavoro dei Lush Rimbaud conosco assai poco pertanto riguardo l’evoluzione del loro sound non mi posso esprimere, relativamente a questa seconda opera non si può parlare di capolavoro o di novità però di qualità certamente si! Perciò non ho paura a dire che The sound of the vanishing Era risulta nel suo insieme quantomeno un buon album che consiglio senza indugio (in particolare a chi ama i generi e le band citate), perché ci propone una band che credo abbia ampi margini di crescita, se i nostri riusciranno a superare la paura di confrontarsi con la propria lingua potremmo finalmente avere una band (Italiana) affine da affiancare a Il Teatro Degli Orrori, ditemi se è poco.


INDIEzone

I Lush Rimbaud sono al terzo album, e mi dispiace di scoprirli solo adesso. Già mi incuriosisco quando, leggendo la cartella stampa, scopro di un loro precedente singolo intitolato “Remember Sammy Jenkis”, citazione che chiunque abbia visto il film Memento non può non cogliere, poi ascolto dopo ascolto mi convinco sempre di più di essere di fronte ad un gruppo dalle grandissime potenzialità. Già ma cosa fanno i Lush Rimbaud? Bella domanda: sostanzialmente un mix di noise e post punk, solo che il tutto è frullato in così tante salse da sfuggire a facili catalogazioni. Negli 8 brani dell’album c’è spazio per intro-noise lunghi ma appaganti che si aprono su riff di chitarra incrociati e decisamente azzeccati (“Sounds From A Vanishing Era”), energiche variazioni sul tema post punk (“2009 Crusade”), accelerazioni punk galvanizzanti e mai banali (“They Make Money (We Make Noise)”), mix efficaci fra potenza ritmica stonerosa e chitarre delayate da space rock (“God Trip”) e attacchi sonori a base di feedback e synth (“Sounds From A New Era”), fino ad affacciarsi su un miscuglio doom-elettronico (“Changing Gear”) forse un po’ confuso ma che si propone come migliore esempio della varietà di suoni e situazioni che si respira nell’album. Il disco si chiude con “The Chamaleon”, forse un po’ ridondante nelle sue atmosfere (quasi) rilassate e cadenzate (difetto, la ridondanza, che si coglie anche in “Space Ship”, dove il drumming da marcia appiattisce forse un po’ il risultato finale) ma capace di sfigurare rispetto al resto solo perché di spunti per deliziare le orecchie ne sono già stati sparsi in abbondanza. Il gruppo ideale per chi cerca suoni ed atmosfere sempre differenti, ma comunque accomunate da un’energia ed una visione globale che riescono a far quadrare il cerchio e a dare l’impressione di aver sentito 8 variazioni di un tema unico più che 8 tracce di caos sonoro allo sbando. Pollice molto in alto! (4/5)

Stefano Ficagna


KATHODIK

Gli anconetani Lush Rimbaud ci riprovano – meno male – con un nuovo album. Si rimettono a tavolino, si tirano su le maniche, si sfondano le orecchie con tanta e buona e giusta musica psichedelica, “krauta”, elettronica e vergano con la penna e il pennino il suddetto ‘The sound of vanishing era’. Che snocciola brani uno dietro l’altro senza smagliature, compatto, articolato e perso nel dolce vagare dell’”oceano di suoni”. A cominciare dall’inizio, senza perdite di tempo, basta ascoltare Sond of vanishing era, brano di apertura che riprende in parte il titolo, chiaro punto di partenza senza equivoci che rimanda agli Oneida più intriganti, e continuando per 2009 crusade, dove i nostri mostrano di aver studiato la lezione della scuola Dischord, e si producono in un brano tirato senza fronzoli. Con God trip invece sentono i Devo e ci aggiungo un pizzico di noise che non guasta, producendo un adeguato mix di suoni e rumori new wave; in Space ship si dilettano in un bel calderone cow-punk, che fa venire in mente i Gun Club. In Sounds from a new era i Lush Rimbaud ci provano veramente a realizzare il proposito annunciato nel titolo, prendono il kraut rock, la psichedelia, il post punk e grazie alla loro bravura producono un pezzo che fa viaggiare, riflettere, meditare ma non ammorbare, cosa rara di questi tempi. Così via discorrendo fino alla fine che non è mai veramente la fine, basta – operazione consigliata – ripremere play sul lettore, o alzarsi e riposizionare la puntina. (4/5)

Marco Paolucci


 

ROCKON

Martellanti e devastanti come pochi altri oggi in Italia, i marchigiani Lush Rimbaud si lanciano come un treno in corsa, con i freni andati a male, non temendo di schiantarsi per pura ingenuità e sottovalutazione del pericolo. “The sound of vanishing era”, secondo lavoro sulla distanza del quartetto di Falconara, non dà tregua all’ascoltatore vuoi per il ritmo ossessivo, vuoi per le chitarre taglienti o ancora per il noise che traspare in tutte le otto tracce. I Lush Rimbaud poi omaggiano Enrico Malatesta, raffigurato in copertina a cavallo di uno strano animale, forse nello spazio, da dove guarda noi povere vittime del liberismo economico, che non sono state in grado di ascoltare minimamente i filosofi dell’anarchismo ed oggi eccoci qua a combattere contro i mulino a vento della corruzione e del razzismo. Non a caso i quattro musicisti ci fanno vorticare nel noise punk di “They make money (we make noise)”, infatti, alla fine meglio rifugiarsi nella musica e soprattutto nel punk-noise. Quello realizzato dai Lush Rimbaud è di ottima fattura, grazie anche all’ottimo lavoro di produzione svolto dal Fabio Magistrali, ed in certe occasioni fa tornare alla mente quello dei bostoniani Mission of Burma. Il loro noise poi non prescinde dal math, qua reso molto più caldo, rispetto al sound dei Battles (“Sounds from a vanishing era”), così come un ipnotismo proprio della new wave (“Sounds from a new era”). Coinvolgente ed intrigante risulta poi “Changing gear”, nella sua algida cacofonia martellante, così come è allucinata “God trip”, avvolta in un noise psicotico, che ti entra in testa e non te lo togli più. Il sound c’è ed il gruppo è in corsa, che il viaggio continui molto a lungo.

Vittorio Lannutti


 

l’URLO

Errico Malatesta vive. Ufficialmente spentosi nel 1932, ma recentemente disibernato, il vate italiano della rivoluzione anarchica è alla guida di una navicella spaziale aero-anfibia a forma di pesce. Pronto ad ingaggiare una lotta senza esclusione di colpi, anche oltre i cieli terrestri, contro mostruose quanto diaboliche creature mutanti e grandi fratelli che cavalcano alati tirannosauri. Un riproduttore musical-nucleare spara no stop nell’abitacolo della cabina “The sound of the vanishing era”. Ovvero l’ultima fatica in doppia veste vinile-cd assemblata dai Lush Rimbaud. Un suono e un’era nuovi quanto evanescenti, dove regnano caos e confusione, quelli immaginati e proposti dal quartetto anconetano in costante rampa di lancio ad Ancona. Tommaso Pela (voce, chitarra e synth), David Cavalloro (chitarra e synth), Marco Giaccani (basso, theremin e voce) e Michele Alessandrini (batteria) ci regalano un eclettico album di punk psichedelico e visionario. Dove le dimensioni spazio-temporal- auricolari, stravolte e in espansione, ambientano un viaggio lisergico e conturbante. Alla ricerca e conquista di mondi migliori possibili. I testi, ispirati anche e non solo da Malatesta – il quale, raffigurato nella bellissima copertina, scruta orizzonti di libertà e giustizia sociale – si sposano con un tappetto, anch’esso volante, di sei corde acide e strippate, percussioni martellanti e pneumatiche, decibel sintetici e calamitanti, litanie ipnotico-melodiche. New space rock, ultra-kraut, post progressive wave? Difficile e inutile tentare di etichettare i Lush di questo lavoro in otto tracce che – dopo un percorso iniziato nel 1998, scandito da una manciata di ep e, nel 2006, dal deragliante cd “Action from the basement” – risulta alimentato da una vena espressiva pienamente matura e affatto parca di originalità. Registrato con consueta ed estrema professionalità da Fabio Magistrali e coprodotto da FromScratch, Brigadisco, BloodySound, Hotviruz, SweetTeddy e NarvaloSuoni, “The sound of vanishing era” rappresenta una delle migliori espressioni di una certa scena indie italiana. Quella più virtuosamente inquieta e creativa, incompromissoria a fronte delle sirere di mercato. Capace di emozionare e sedurre quel pubblico senza confini che non ha mai rinunciato ad “hard & good vibrations”.

Giampaolo Milzi


 

ONDAROCK

Seguito di “Action From The Basement”, una raccolta di esagitato post-emo ballabile, spesso basato sui synth che sostituiscono quasi in toto la chitarra, “The Sound Of The Vanishing Era” attesta anzitutto la crescita dei Lush Rimbaud, un quartetto con base a Ancona formato da Tommaso Pela (chitarra, synth), David Cavalloro (chitarra, synth), Marco Giaccani (basso, theremin), tutti e tre anche alle voci, e Michele Alessandrini (batteria). Il nu-rave dell’esordio acquista in “The Sound Of The Vanishing Era” un uso più vario: sincopi, synth sbriciolati, chitarre acide, oltre – per assurdo - a un sound più poderoso, quasi progressivo, ben oltre gli inflazionati anthem di “Action From The Basement” (“Sounds From A Vanishing Era”). Se “2009 Crusade” e lo squilibrato “God Trip” si rimangiano tutto, al punto da sembrare scarti riciclati, altre attestazioni di crescita sono “Space Ship”, una decostruzione wave in stile “Sheets Of Easter” degli Oneida, e “Sounds From A New Era”, con percussioni aggiuntive e feedback oscillante. Anche “Changing Gear”, più tradizionale, dimostra pur sempre di aver assimilato la lezione dei Battles. E’ un album – prodotto da sei indie-label: FromScratch, Brigadisco, Bloody Sound, Hot Viruz, Narvalo Suoni, Sweet Teddy – di palese transizione, non timoroso di farsi aiutare dalla produzione (l’impeccabile Fabio Magistrali). Disegno di copertina di Rocco Lombardi, anche amministratore dell’utile blog “L’albero sfregiato”.

Michele Seran

 


LOUDVISION

I marchigiani Lush Rimbaud colpiscono ancora, e stavolta lo fanno con ancora più precisione e violenza. La commistione fra math, noise e post punk raggiunge una sintesi molto convincente in tutte le otto canzoni che compongono questo “The Sound Of The Vanishing Era” e si mescola a una quantità inimmaginabile di altre influenze offrendo all’ascoltatore un disco potente che potrebbe richiamare agli stilemi della cosidetta ‘nu-rave’. Le liriche chiaramente ispirate all’anarchico Errico Malatesta collimano perfettamente con le ritmiche ossessive, che stimolano nell’ascoltatore un ballo frenetico, un crogiolo di ossessioni accattivanti ed evocative. Il grande merito del disco è che la mescolanza di idee e di generi sia ingabbiata in trentacinque minuti di musica. Esattamente prima che rischi di annoiare, di perplimere, di lasciare adito a dubbi, il disco si spegne da sé lasciando quell’amaro in bocca che solo i dischi di livello possono lasciare. Sin dall’artwork si intravede la volontà di produrre un lavoro di qualità che vada oltre le proposte striminzite che certe case indie continuano a sfornare. (7/10)

Luigi Costanzo


 

OUTUNE

Con “The Sound Of The Vanishing Era”, il loro secondo disco, i Lush Rimbaud si dimostrano cresciuti rispetto alle atmosfere nu-rave della loro prova d’esordio. Ci regalano otto pezzi rumorosi come un’acciaieria e rarefatti come l’atmosfera nello spazio, in un continuo rimbalzo fra il post-punk di richiamo Fugazi e il Kraut-Rock. Bella è innanzitutto la tensione che questo gruppo riesce a creare, una tensione figlia del miglior post-punk, come già detto, oltre che dei più vicini Julie’s Haircut o dei mai abbastanza ricordati El Guapo. Belli sono anche i momenti in cui tutto il clangore delle chitarre e delle ritmiche si spegne per raffreddarsi nel ghiaccio dei sintetizzatori e delle voci atone al limite del robotico. In “Sounds Of The Vanishing Era”, ad esempio, o in “The Chameleon”, che non per niente sono poste all’inizio e alla fine dell’album col compito di contenere la debordante energia di pezzi quali “2009 Crusade” o “They Make Money We Make Noise”. Bella anche “God Trip”, che assolve meglio di tutte le altre tracce il compito di dimostrare che i Lush Rimbaud hanno anche voglia di far ballare, oltre ad essere parecchio interessati a farci perdere nel loro mondo vorticoso e introspettivo.

Francesca Stella Riva