0

Lush Rimbaud/zZz review – Sentire Ascoltare webzine

From sentireascoltare.com

[...] Sulla stessa lunghezza vinilica si muove il volume numero 1 di una serie di split chiamata V’ll Series, pubblicata dalla From Scratch e impreziosita dall’artwork di Nicola Villani aka V’ll. A inaugurare uno dei migliori gruppi di casa, i Lush Rimbaud, pronti a duettare con gli olandesi zZz. I nostri continuano sul versante kraut-psych infatuato con le ritmiche tribaloidi da (post)funk bianco che ne innervano le strutture e ce li restituiscono nervosi e tesi, spigolosi e danzerecci. Ottima la trance synthetica di The Freak Dream, danza stordente e avvitata su se stessa, un po’ Liars maleducati, un po’ horrorosa devianza, un po’malattia mentale e un po’ Albione industriale. Gli olandesi rispondono in maniera meno cupa e più solare, con un retrogusto sempre scazzone e sfattone: che sia lo psychobilly ludico-gigionesco post-cabarettistico di Alone col vocione di Bjorn Ottenheim che fa il verso ai coroner storici, o le Suicidesche volute ossessivo-sintetiche dell’electro-wave limitrofa alla minimal-wave di Pretty, poco cambia nel giudizio, in definitiva più che buono.

facebook

0

impattosonoro.it review

From impattosonoro.it

Lush Rimbaud / zZz – The V’ll Series # 1 (fromSCRATCH Records, 2013)
Per affrontare con il piede giusto questo 2013, la fromSCRATCH innaugura una serie di split su vinile in edizione limitata con artwork a cura di Nicola Villani(V’ll). Questa prima uscita contiene nel lato A una grande proposta tutta italiana, i Lush Rimbaud, che confezionano due tracce con un immaginario post-kraut misto a tappeti space-ambiet e schizofrenie elettroniche. Se The Freak Dream si attesta sulla produzione tipica del gruppo, A Finger Composition è uno dei pezzi più riusciti con tutti gli elementi e le potenzialità dei Lush Rimbaud estese al massimo. Primo lato promosso a pieni voti. Il secondo ospita gli ZzZcon il loro mix di organo, batteria e onde elettroniche dai non troppo nascosti richiami wave. Alone è una traccia sognante con base dream-pop che “degenera” presto in qualcosa di più articolato senza mai perdere di semplicità e immediatezza. Pretty conclude il disco con uno stile club-oriented e che fa danzare tutti di gioia. Secondo lato promosso e vale lo stesso per questa nuova iniziativa fromSCRATCH.

facebook


0

kathodik webzine split review

From kathodik.it

Ritornano sulle strepitose pagine kathodikkiane i Lush Rimbaud, in questo split con gli olandesi zZz, release accompagnata da un succoso tour di cui potete leggere il report realizzato dal sottoscritto qui.
Registrato al From Scratch Studio di Firenze, lo split fa aprire le danze ai nostri marchigiani con A Finger Composition: accompagnata da sussurri e sospiri che sembrano usciti da Venerdì 13, è una composizione lunga che si snoda con sicurezza e sapienza. Meglio ancora riesce The Freak Dream, accompagnata da un bel synth molto seventies e un lavoro alle pelli di Michele degno dei P.I.L. dei bei tempi.
Lato B, seguono gli zZz, con un pezzo che sembra quasi un Elvis anni settanta andato a farsi un giro con Hunter S. Thompson, una follia tremendamente attraente. In chiusura invece fa capolino l’eccellente Pretty, che pare quasi richiamare dei New Orderparticolarmente cattivelli; roba da ballare in mosh pit, spettacolare.
Facciamo le classifiche? No, non facciamo niente, godetevi questo split della madonna (ciccone) e basta.


Damiano Gerli

facebook